Our Last News

Dove c’è Molta Luce, c’è anche Molta Ombra

Dove c’è Molta Luce, c’è anche Molta Ombra

Wo viel Licht ist, ist auch viel Schatten  (Götz von Berlichingen, primo Atto)
[Johann Wolfgang von Goethe]

Interrogarsi sulla questione della luce e dell’ombra e delle possibili problematiche che crea il chiaro-scuro nella pratica artistica, è stata per noi da sempre una questione scontata e banale da trattare.

Errare humanum est … mai dare niente per scontato, e siccome buona parte di questo Journal serve prima di tutto a noi, vogliamo enucleare un concetto teorico che è alla base del chiaro-scuro.

La frase dell’Eminentissimum ac Reverendissimum Dominum Johann Wolfgang von Goethe, sopra trascritta in lingua originale e tradotta nel titolo di codesto post, non è il semplice aforisma da copiare ed incollare su qualche social network, ma è uno delle basi principali del disegno per giunta del chiaro scuro.

Non ci interessa per adesso esporre escamotage tecnici di ombreggiatura e/o lumeggiatura nel disegno o nella pittura. Qualsiasi blogger o artista che si incontra a per strada o in rete può rivelare le tecniche più usate per avere un buon successo tecnico.
Carta grafite, polvere di grafite, gesso, bla bla bla, a noi non interessa tutto questo, a noi interessa ciò che a nessuno interessa,  cioè osservare e capire la totalità della composizione, per capire come l’occhio umano opera, e non copiare una semplice foto da perfetto minus habens iperrealista.

Per molti tale concetto è forse scontato e per altri è un puro paradosso.
“Dove c’è molta luce c’è anche molta ombra” è una lezione di disegno oltre che una lezione di vita, formulata da Johann Wolfgang von Goethe che anche in tema pittorico, sapeva il fatto suo.

Agli umili che ci chiedono qualche consiglio per illuminare in maniera incisiva le loro opere e ci chiedono in che modo ombreggiare per lumeggiare, proponiamo questa lezione di vita, traslata nella vita reale:

“La maggior parte della gente preferisce paradossalmente stare più a contatto con persone con problemi che con persone che non hanno apparenti problemi. Questo è spiegabile con la teoria del chiaro-scuro. Che tu stia bene o male, il tuo livello di “stare bene” molte volte dipende dalle condizioni a contorno e dalle persone che in genere ti circondano. Per questo tutti paradossalmente preferiscono stare a contatto con persone che non se la passano bene. Metaforicamente tutti si considerano grigi, e il tono del grigio dipende dalla qualità della propria vita e da come ognuno si auto-considera, dove un tono vicino al bianco è convenzionalmente riferito allo stare bene, mentre viceversa, toni vicini al nero metaforizzano una condizione sfavorevole. Ognuno sa che può stare meglio come può stare peggio, come il grigio può essere schiarito o scurito, ma mai bianco e mai nero, come tutti sanno che stare perfettamente bene o perfettamente male non esiste come condizione. Da qui la teoria che deriva dal fatto che il colore percepito dipende dalle condizioni a contorno, dove se paragoniamo lo stesso grigio affiancato al bianco poi affiancato al  nero, lo stesso grigio appare più scuro con il bianco e più chiaro con il nero. La nostra metafora risponde allo stesso modo, la gente preferisce affiancarsi a persone sfortunate e compatirle, perché si sentono meglio, più valide; Viceversa se la stessa persona sta a contatto con gente apparentemente senza problemi, automaticamente si deprime sentendosi non adeguata e non valida.”

Questo concetto deve solo far capire l’importanza del contesto, e il fatto che tutto è relativo in base al contesto in cui viene posto.

In soldoni, parlando di tecnica, se noi abbiamo un ritratto e secondo noi è ben dipinto e ben illuminato cromaticamente ma la luminosità non ci convince essendo smorta e con poco carattere, non ha senso continuare a schiarire il ritratto sovraesponendolo, a volte basta semplicemente scurire tutto ciò che lo circonda.

Coma anche spiega la nostra metafora che se ti vuoi sentire meglio, di devi trovare uno che sta peggio di te. Brutto da dire ma è pura realtà, come l’occhio umana e l’indole umana operano a volte.

I quadri di Caravaggio, che sono capolavori a prescindere, hanno una luce molto particolare, molto incisiva proprio perché hanno ombre vigorose.

Il segreto è scurire per illuminare, e per meglio capire questo discorso, provate a disegnare lo stesso ritratto, prima su uno sfondo bianco, poi su uno sfondo scuro, poi ci farete sapere quale appare “più luminoso”

La questione del contesto è importantissima nell’arte grafica, e questo concetto si estende anche nell’uso dei colori. Non esistono colori brutti o belli, non esistono colori giusti o sbagliati per le varie circostanze, esiste solo il giusto accordo cromatico adatto alla determinata situazione.
Questo concetto lo riprenderemo in futuro e lo estenderemo anche all’architettura.

Per concludere la nostra osservazione, raccomandiamo di non usare quasi mai il colore bianco puro e nero puro nelle nostre opere (eccetto alcune particolari situazioni).
La composizione cromatica di un’opera ha bisogno di una scala di ombra e una scala di luce (contrasto chiaro-scuro).
Se ci “giocassimo” per esempio il bianco puro in una zona illuminata che sarebbe in realtà si molto chiara, ma non bianca pura, ci saremmo giocati il gradino più alto della scala di luce, quello che dovrebbe restare vuoto o al massimo dovrebbe essere occupato solamente dai riflessi di luce pura.
“Giocarsi” il bianco puro in questa situazione, e applicarlo in varie parti dell’opera che dovrebbero avere colori chiari ma NON BIANCHI, vorrà dire che nei punti in cui c’era necessità di avere colpi di luce pura (esempio i riflessi della luce negli occhi, o i riflessi della luce su un elemento riflettente), il bianco risulterebbe meno “carismatico” essendo stato usato in altre zone dell’opera, quindi quel colpo di luce risulterebbe all’occhio dell’osservatore, più simile ad una macchia bianca che al prodotto di un riflesso di luce pura.
Questo spiega anche la massima attribuita a Rubens riguardo il bianco:
<Cominciate col dipingere leggermente le ombre; guardatevi dal mettervi del bianco: è veleno di un dipinto, tranne che nelle luci…>

Riguardo al nero invece, sosteniamo che alcuni pittori per comodità lo usano impropriamente nei loro dipinti, ad esempio per fare uno sfondo scuro.
Questo è un errore, il nero puro dovrebbe essere utilizzato solo nei punti in cui la scala delle ombre è ai massimi livelli, per esempio il centro dell’iride della pupilla di un occhio (e in poche altre parti).
Per gli sfondi scuri meglio utilizzare bruni molto scuri, come la terra di Cassel, che agli insensibili, può sembrare non differente dal nero puro, ma una volta dipinta l’opera nella sua interezza, sarà determinante non aversi giocato il nero puro nello sfondo, e averlo riservato per alcuni particolari o alcune zone molto in ombra.

Il risultato sarà una grande ricchezza cromatica che conseguentemente ci permetterà anche di avere un robusto volume del dipinto.

Quindi se volete schiarire o scurire alcune parti del vostro quadro, a volte la migliore strada non è quella di continuare ad immettere bianco per schiarire o nero per scurire, a volte fare il processo inverso è la strada migliore.

Come fanno tutti (PURTROPPO), trovatevi un nero, o un grigio molto scuro da compatire e con cui uscire per essere più luminosi, piuttosto che accollarvi un grigio chiarissimo che vi farà solo deprimere di più e aiuterà ad inscurire la vostra autostima.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA
Piccinini’s Journal_©Copyright 2022 – All Rights Reserved​​

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners.
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive

Privacy Policy

What information do we collect?

We collect information from you when you register on our site or place an order. When ordering or registering on our site, as appropriate, you may be asked to enter your: name, e-mail address or mailing address.

What do we use your information for?

Any of the information we collect from you may be used in one of the following ways: To personalize your experience (your information helps us to better respond to your individual needs) To improve our website (we continually strive to improve our website offerings based on the information and feedback we receive from you) To improve customer service (your information helps us to more effectively respond to your customer service requests and support needs) To process transactions Your information, whether public or private, will not be sold, exchanged, transferred, or given to any other company for any reason whatsoever, without your consent, other than for the express purpose of delivering the purchased product or service requested. To administer a contest, promotion, survey or other site feature To send periodic emails The email address you provide for order processing, will only be used to send you information and updates pertaining to your order.

How do we protect your information?

We implement a variety of security measures to maintain the safety of your personal information when you place an order or enter, submit, or access your personal information. We offer the use of a secure server. All supplied sensitive/credit information is transmitted via Secure Socket Layer (SSL) technology and then encrypted into our Payment gateway providers database only to be accessible by those authorized with special access rights to such systems, and are required to?keep the information confidential. After a transaction, your private information (credit cards, social security numbers, financials, etc.) will not be kept on file for more than 60 days.

Do we use cookies?

Yes (Cookies are small files that a site or its service provider transfers to your computers hard drive through your Web browser (if you allow) that enables the sites or service providers systems to recognize your browser and capture and remember certain information We use cookies to help us remember and process the items in your shopping cart, understand and save your preferences for future visits, keep track of advertisements and compile aggregate data about site traffic and site interaction so that we can offer better site experiences and tools in the future. We may contract with third-party service providers to assist us in better understanding our site visitors. These service providers are not permitted to use the information collected on our behalf except to help us conduct and improve our business. If you prefer, you can choose to have your computer warn you each time a cookie is being sent, or you can choose to turn off all cookies via your browser settings. Like most websites, if you turn your cookies off, some of our services may not function properly. However, you can still place orders by contacting customer service. Google Analytics We use Google Analytics on our sites for anonymous reporting of site usage and for advertising on the site. If you would like to opt-out of Google Analytics monitoring your behaviour on our sites please use this link (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout/)

Do we disclose any information to outside parties?

We do not sell, trade, or otherwise transfer to outside parties your personally identifiable information. This does not include trusted third parties who assist us in operating our website, conducting our business, or servicing you, so long as those parties agree to keep this information confidential. We may also release your information when we believe release is appropriate to comply with the law, enforce our site policies, or protect ours or others rights, property, or safety. However, non-personally identifiable visitor information may be provided to other parties for marketing, advertising, or other uses.

Registration

The minimum information we need to register you is your name, email address and a password. We will ask you more questions for different services, including sales promotions. Unless we say otherwise, you have to answer all the registration questions. We may also ask some other, voluntary questions during registration for certain services (for example, professional networks) so we can gain a clearer understanding of who you are. This also allows us to personalise services for you. To assist us in our marketing, in addition to the data that you provide to us if you register, we may also obtain data from trusted third parties to help us understand what you might be interested in. This ‘profiling’ information is produced from a variety of sources, including publicly available data (such as the electoral roll) or from sources such as surveys and polls where you have given your permission for your data to be shared. You can choose not to have such data shared with the Guardian from these sources by logging into your account and changing the settings in the privacy section. After you have registered, and with your permission, we may send you emails we think may interest you. Newsletters may be personalised based on what you have been reading on theguardian.com. At any time you can decide not to receive these emails and will be able to ‘unsubscribe’. Logging in using social networking credentials If you log-in to our sites using a Facebook log-in, you are granting permission to Facebook to share your user details with us. This will include your name, email address, date of birth and location which will then be used to form a Guardian identity. You can also use your picture from Facebook as part of your profile. This will also allow us and Facebook to share your, networks, user ID and any other information you choose to share according to your Facebook account settings. If you remove the Guardian app from your Facebook settings, we will no longer have access to this information. If you log-in to our sites using a Google log-in, you grant permission to Google to share your user details with us. This will include your name, email address, date of birth, sex and location which we will then use to form a Guardian identity. You may use your picture from Google as part of your profile. This also allows us to share your networks, user ID and any other information you choose to share according to your Google account settings. If you remove the Guardian from your Google settings, we will no longer have access to this information. If you log-in to our sites using a twitter log-in, we receive your avatar (the small picture that appears next to your tweets) and twitter username.

Children’s Online Privacy Protection Act Compliance

We are in compliance with the requirements of COPPA (Childrens Online Privacy Protection Act), we do not collect any information from anyone under 13 years of age. Our website, products and services are all directed to people who are at least 13 years old or older.

Updating your personal information

We offer a ‘My details’ page (also known as Dashboard), where you can update your personal information at any time, and change your marketing preferences. You can get to this page from most pages on the site – simply click on the ‘My details’ link at the top of the screen when you are signed in.

Online Privacy Policy Only

This online privacy policy applies only to information collected through our website and not to information collected offline.

Your Consent

By using our site, you consent to our privacy policy.

Changes to our Privacy Policy

If we decide to change our privacy policy, we will post those changes on this page.
Save settings
Cookies settings