HISTORICAL AFFRESCO

Affreschi storici, realizzati rispolverando la perduta tecnica dei grandi Maestri del Manierismo.

Il Piccinini’s Club impegnato da tempo a riportare in vita la difficile e quasi estinta tecnica dell’affresco storico, oggi grazie all’artista e architetto Stefano Piccinini rende possibile la ricreazione di opere con tale tecnica, dopo una rigorosa e lunga ricerca, sulle regole e sui materiali utilizzati nell’antichità ( dagli scritti di Cennino Cennini 1370/1440) cercando di combinare l’antico procedimento pittorico con la più ricercata e perfezionista tecnica contemporanea.

Il fresco storico, da non confondere con la più semplice e meno duratura pittura muraria è una tecnica che risulta scomparsa per la difficile gestione cromatica dei pigmenti naturali e per la sua rapidità di esecuzione. Infatti il fresco storico si realizza dipingendo direttamente sull’ultimo strato di intonaco non asciutto (tonachino). Questo permette all’opera di integrarsi e di fondersi grazie alla carbonatazione con il muro. Esso sarà così resistente al deterioramento e quindi più longevo di una semplice pittura muraria. La difficoltà di gestione cromatica è data dal fatto che il fresco in fase di esecuzione deve risultare molto più scuro e saturo, poiché durante  l’asciugatura, a seguito della carbonatazione, il dipinto subisce un notevole schiarimento. Per la realizzazione di questa tecnica quindi si ha bisogno di una elevata consapevolezza tecnica e una buona conoscenza della chimica dei pigmenti che, sono la base di partenza di un buon fresco.

La seconda difficoltà è la velocità di esecuzione, in condizioni climatiche e di umidità normale l’intonaco è soggetto ad asciugarsi con poche ore (4-5ore). Questo quindi non permette all’artista di avere molto tempo per realizzare l’opera.

In conclusione possiamo dire che la buona riuscita di questo genere di opere dipende dal giusto equilibrio tra una buona tecnica svolta nel minor tempo possibile oltre che una grande consapevolezza e conoscenza dei materiali da utilizzare.